Ventiquattro

GIOVEDÌ AL CENTRO MULTIMEDIALE

ROVIGNO: Conferenza e tavola rotonda dedicate alla figura di Antiono Borme

La sua vicenda politica – paradigmatica di un’epoca storica travagliata – nel 1974 gli riservò prima la nota “defenestrazione”, ovvero la destituzione dall’incarico di Presidente dell’Unione degli Italiani dell’Istria e di Fiume, poi portarlo a diventare il primo presidente dell’Unione Italiana, nel 1991 * All'appuntamento, organizzato dalla Comunità degli Italiani di Rovigno, parteciperanno Giovanni Radossi, Ezio Giuricin e Gianfranca Baldini Suran


 
2 min
Istra24

La sua vicenda politica – paradigmatica di un’epoca storica travagliata – nel 1974 gli riservò prima la nota “defenestrazione”, ovvero la destituzione dall’incarico di Presidente dell’Unione degli Italiani dell’Istria e di Fiume, poi portarlo a diventare il primo presidente dell’Unione Italiana, nel 1991 * All'appuntamento, organizzato dalla Comunità degli Italiani di Rovigno, parteciperanno Giovanni Radossi, Ezio Giuricin e Gianfranca Baldini Suran

La Comunità degli Italiani di Rovigno dedica una serata ad Antonio Borme, storico dirigente della Comunità nazionale italiana di Croazia e Slovenia. E lo fa, giovedì sera, 18 aprile alla vigilia dell’80-esimo anniversario dalla sua nomina a preside del Ginnasio di Rovigno.

Nato a Trieste il 20 gennaio 1921, morto a Rovigno il 6 agosto 1992, Antonio Borme è noto per la sua vicenda politica – paradigmatica di un’epoca storica travagliata – che prima, nel 1974 gli riservò la nota “defenestrazione”, ovvero la destituzione dall’incarico di Presidente dell’Unione degli Italiani dell’Istria e di Fiume (causa la sua difesa dell’autonomia della CNI e la tutela della sua lingua) per poi portarlo a diventare il primo presidente dell’Unione Italiana, nel 1991. La sua riabilitazione avvenne nel 1988, con i primi sussulti di quella trasformazione ideologica e sociale che avrebbe condotto l’ex Jugoslavia all’abbandono del socialismo e all’avvento della democrazia.

Oltre ad essere stato presidente dell’UIIF dal 1953 al 1974, è stato professore di letteratura italiana; nel 1961 contribuì alla fondazione della Sezione di italianistica presso la Facoltà di Pedagogia di Pola. Tra i suoi testi va segnalato il volume “La minoranza italiana in Istria e a Fiume : scritti e interventi dal 1964 al 1990 in difesa della sua identità e della sua dignità civile” pubblicato dall’Unione Italiana e dall’Università Popolare di Trieste nel 1992.

L’incontro di dopodomani, in programma al Centro multimediale di Rovigno, sarà conferenza /tavola rotonda alla quale prenderanno il presidente onorario dell’Unione Italiana, Giovanni Radossi, che per decenni è stato anche direttore del Centro di Ricerche storiche di Rovigno, Ezio Giuricin, giornalista di TV Capodistria e autore di ricerche storiche che riguardano la Comunità nazionale italiana e la presidentessa del Comitato esecutivo Gianfranca Baldini Suran.


Nastavite čitati

Istra
 

ČITANJE KAO SPAS, KAO TERAPIJA: Danas nam je ovu misao poklonila književnica Julijana Matanović

Dan smo otvorili intervjuom koji je sa spisateljicom vodila Maja Jokanović. Tekst obiluje intrigantnim mislima * Objavili smo i intervju s kandidatkinjom za načelnicu Raše Admirom Žakula, recenziju predstave "Down by low" * Lijepa vijest dana je da je Zlatnu Palmu u Cannesu za najbolji kratki film osvojio je hrvatski film “Čovjek koji nije mogao šutjeti” čiji je producent Danijel Pek, inače i umjetnički ravnatelj Pula Film Festivala

Da bi ova web-stranica mogla pravilno funkcionirati i da bismo unaprijedili vaše korisničko iskustvo, koristimo kolačiće. Više informacija potražite u našim uvjetima korištenja.

  • Nužni kolačići omogućuju osnovne funkcionalnosti. Bez ovih kolačića, web-stranica ne može pravilno funkcionirati, a isključiti ih možete mijenjanjem postavki u svome web-pregledniku.